Concorso Docenti: cosa e come studiare per diventarlo

da

concorso docenti

Nell’articolo di oggi andremo a capire insieme come studiare per il concorso docenti. In particolare vedremo quali sono i tre concorsi, come sono strutturati e i miei consigli per superare al meglio quello che sceglierai di sostenere.

Incominciamo? Let’s go! 😉

I 3 tipi del concorso docenti

Visto che le scuole in cui si può andare a insegnare sono di diverse tipologie e ai docenti sono richieste conoscenze specifiche, il Ministero dell’istruzione ha creato 3 concorsi differenti

  • Ordinario per infanzia e primaria;
  • Ordinario per scuola secondaria;
  • Straordinario per scuola secondaria.

Detto questo, andiamo a scoprire più nel dettaglio le prove di ciascun concorso  😉

metodo di studio baner blog

Concorso ordinario per infanzia e primaria

Partiamo da questo concorso perché gli altri due che analizzeremo in seguito sostanziagliamente hanno delle similitudini. 

Dunque per ora ti basta sapere che quanto leggerai in questa sezione costituirà la base anche degli altri concorsi.

La prova preselettiva

Questa è la prima prova che potresti dover sostenere. Dico “potresti” perché non è sicuro al 100%, generalmente capita di affrontarla solo se al concorso si iscrivono davvero tante persone. Quindi sostanzialmente la prova preselettiva va considerata come una scrematura iniziale

La prova consiste in domande a risposta multipla e le materie sulle quali si baserà sono:

  • Logica;
  • Comprensione del testo;
  • Conoscenza di una lingua straniera (a scelta tra inglese, spagnolo, francese e tedesco);
  • Conoscenza della normativa scolastica.

“Okay Christian, i primi tre punti so cosa sono, ma l’ultimo non mi è molto chiaro… puoi spiegarmi meglio in che cosa consiste?” 

La conoscenza della normativa scolastica prevede nozioni di:

  • Diritto e dovere all’istruzione e alla formazione;
  • Governance delle istituzioni scolastiche;
  • Stato giuridico del docente, contratto di lavoro e disciplina del periodo di formazione;
  • Costituzione della Repubblica Italiana;
  • Legge 13 luglio 2015, n. 107 riforma della scuola “Buona Scuola”;
  • Compiti e finalità di Invalsi e Indire;
  • Sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione;
  • Normativa generale per l’inclusione degli alunni con necessità speciali (disabilità e disturbi specifici di apprendimento).

Una volta completata la preselezione, lo step successivo è la prova scritta. Vediamo in che cosa consiste.

La prova scritta

Consiste in una serie di domande aperte che generalmente vertono sugli argomenti seguenti:

  • Didattica e metodologia dell’insegnamento;
  • Competenze specifiche della classe di concorso per cui stai facendo richiesta;
  • Lingua straniera a scelta tra ingelese, spagnolo, francese o tedesco. Le conoscenze richieste sono il B2, la comprensione del testo e l’inserimento di parole mancanti all’interno delle frasi.

Non è ancora finita qui, perchè dopo lo scritto è il turno dell’orale! Vai avanti a leggere 🙂

La prova orale

Siamo arrivati all’ultimo “ostacolo”, ovvero quello in cui devi dimostrare definitivamente agli esaminatori che possiedi le conoscenze adeguate per poter insegnare. Gli argomenti sui quali verteranno le domande, sono:

  • Competenze della classe di concorso;
  • Progettazione didattica;
  • Tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • Competenze linguistiche a livello B2.

Quanto visto finora, corrisponde all’iter generale per diventare docente. Tieni presente però che il Ministero dell’Istruzione potrebbe cambiarti qualcosa sotto il naso, quindi ricordati sempre di controllare per bene il bando ufficiale del concorso direttamente sul sito del MIUR. In questo modo sarai aggiornato sulle possibili variazioni 😉

Ora che abbiamo visto quali sono le prove del concorso ordinario per infanzia e primaria, passiamo al concorso per scuola secondaria.

Concorso ordinario per scuola secondaria

Come ti ho anticipato prima, le differenze tra i tre concorsi sono veramente minime.

Una su tutte riguarda la parte scritta. Nel concorso ordinario per la scuola secondaria è previsto uno scritto in più rispetto al concorso per infanzia e primaria, prova che si basa sui famosi 24 CFU.

Questi 24 CFU sono quei crediti universitari che devi obbligatoriamente integrare per poter insegnare nelle scuole secondarie e le materie interessate sono le seguenti:

  • Pedagogia speciale e Didattica dell’inclusione;
  • Psicologia;
  • Antropologia;
  • Metodologia e Tecnologie didattiche generali.

Passiamo adesso all’ultimo tipo di concorso docenti: quello straordinario.

Concorso straordinario per scuola secondaria

Magari ti stai chiedendo “Ma che avrà di tsnto straordinario?”. Te lo dico subito 😉 

Si tratta di una selezione per coloro che desiderano diventare docenti di ruolo e ottenere la cattedra. Dunque, per poter accedere a questo concorso bisogna aver fatto esperienza e, nello specifico, aver maturato tre anni di insegnamento nelle scuole secondarie.

Per il resto a livello di prove è sostanzialmente uguale ai concorsi sopracitati: preselezione, scritto e orale.

A questo punto, sperando che tu abbia ben chiara la struttura del concorso al quale vuoi partecipare, non ti resta che vedere i miei consigli su come studiare in modo intelligente per passare il concorso 😉

I miei consigli su come studiare per il concorso docenti

Scarica la banca dati 

Ne abbiamo già parlato anche nell’articolo “Come studiare per un concorso pubblico”.

Il Ministero pubblica sempre una banca dati sulla quale si baserà almeno il 70% delle domande della prova preselettiva (figo vero?). 

Quindi comincia a scaricare la banca dati direttamente dal sito ufficiale del MIUR. Ora vediamo il passo successivo 😉

Organizzare lo studio

Non puoi immaginare quanti messaggi mi arrivino con frasi tipo “Christian, sono messo male, sono stanco, tra qualche giorno ho l’esame e non ho ancora finito di leggere il libro!”.

Ecco, cerca di evitare questo guaio, organizzati lo studio! Io ti suggerisco di procedere nel seguente modo, calendario alla mano:

  • Conta quanti giorni hai disposizione per studiare fino alla data del concorso. Mi raccomando però, conta solo i giorni in cui sei certo di studiare (se sai che la domenica non apri mezzo libro perchè ti vuoi rilassare, allora non contarlo);
  • Conta quante sono le pagine da studiare in totale;
  • Dividi il numero delle pagine totali per i giorni disponibili;
  • Così ottieni il numero esatto delle pagine da studiare al giorno!

Non è difficile, giusto? Pensa che, con il giusto impegno e un’ottima organizzazione, ho avuto corsisti che sono riusciti anche a preparare un esame in 7 giorni 😉 

Esercitati con il simulatore e con la logica

Ti sto per dare una buona notizia: esistono alcuni siti internet che ti permettono di simulare la prova preselettiva! Il consiglio che ti do è quello di esercitarti per bene, così da essere molto più sciolto e preparato il giorno della prova. Tra i vari siti di simulazione che puoi trovare sul web, quello che ti suggerisco è Mininterno

Oltre alla pratica con il simulatore, ti consiglio di esercitarti anche con la logica che sarà l’oggetto di molte domande della prova preselettiva. I testi sui quali puoi studiare sono vari, te ne segnalo tre tra i migliori:

Memorizza la banca dati con le tecniche di memoria

Dopo esserti organizzato e aver fatto qualche simulazione, puoi dedicarti alla memorizzazione delle risposte delle domande della banca dati. Come fare? Ovviamente usando le tecniche di memoria 😉

Ne esistono di vari tipi, alcune tra tutte sono la tecnica dei loci, la memorizzazione dei numeri, il palazzo della memoria e altre ancora, sul Blog ne abbiamo nominate diverse.

In questo articolo mi limiterò a descriverti la logica con la quale funzionano: creatività e immaginazione. Facciamo un esempio. Poniamo che devi ricordarti che Giuseppe Verdi ha composto “La Traviata”. Per memorizzarlo immaginati il canonico Giuseppe del presepe vestito dalla testa ai piedi di verde, che dipinge sempre di verde, un’enorme trave in legno (“La Traviata“).

Mi rendo conto che, se non sei abituato alle tecniche di memoria, ciò che ho scritto potrebbe sembrarti una cosa allucinante, ma è esattamente per questo motivo che ti sarà utile! Infatti è l’assurdità dell’immagine che crei a renderla estremamente facile da ricordare 😉

Detto questo, per approfondire meglio il meccanismo per memorizzare le banche dati, ti rimando direttamente all’articolo “Come memorizzare le banche dati dei quiz”.

Ricapitolando, abbiamo visto come sono strutturati i concorsi per diventare docente, l’importanza di una buona organizzazione e su cosa si basano le tecniche di memoria. 

Con queste poche nozioni puoi già fare grandi passi avanti nel tuo studio per i concorsi, ma se vuoi un aiuto più completo ti consiglio di entrare in Obiettivo Concorso, il Metodo che ho creato e che ha già aiutato diverse centinaia di persone a superare i concorsi più diversi.

Oltre al Metodo, avrai accesso anche al nostro Gruppo Riservato su Facebook. All’interno, potrai  interagire con tutti gli altri corsisti e, una volta a settimana, partecipare alla diretta Coaching dove rispondo personalmente a tutte le domande che mi vengono (e che, magari, mi farai anche tu 😉 )

Bene, eccoci alla fine di questo articolo relativo a “come studiare per concorso docenti”. Mi auguro che tu l’abbia trovato esaustivo e utile!

Ciao da Christian.

 

Photo credit: Scuola foto creata da freepik – it.freepik.com

Lascia il tuo Commento qui sotto

Commento

Seguici sui social

Articoli più letti!

Metodo di studio universitario: l’arma segreta per superare tutti gli esami


Come studiare bene e velocemente: 8 consigli pratici (nessun trucco!)


Non riesco a studiare: una serie di consigli per ritrovare la motivazione


Come preparare esami in 7 giorni: la guida giorno per giorno


Non ho voglia di studiare: 3 segreti per ritrovare la motivazione


Schemi a cascata: perché usarli e come farli


Metodo di studio: facciamo un riassuntone su come si studia


Palazzo della memoria: la guida rapida per costruirlo


Prendere appunti: il metodo Cornell è perfetto!


Mappe Mentali: per studiare a super velocità

BANNER - DaStudenteBloccato2

Trattamento Dati

Controlla la posta elettronica tra 5 minuti (se non trovi nulla, dai un'occhiata nello SPAM)

Su questo sito utilizziamo cookies tecnici, analitici e di terze parti. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy